Lascia un messaggio in Bacheca

Spazio dedicato ai vostri commenti

(nota di servizio: se non hai un sito web ……. lascia ugualmente il commento …. sarà pubblicato)

48 risposte a Lascia un messaggio in Bacheca

  1. Complimenti per questo sito web, io sono di NAPOLI e ho trovato tramite i motori di ricerca questo sito web

  2. nicola prochilo scrive:

    Tira fuori dal cassonetto! (una legge per incentivare l’aiuto ai bisognosi)

    Una proposta alle amministrazioni locali per ottenere uno “sconto” o
    “bonus” sulla tassa smaltimento rifiuti per le aziende di produzione e
    distribuzione di generi di prima necessità (derrate alimentari,
    prodotti per la pulizia, vestiario), che donano alle associazioni di
    volontariato i prodotti (recuperabili) destinati alle discariche.

    Aggiornamento: il 25 Marzo 2009 verremo ricevuti dall’assessore alle
    politiche sociali del comune di Modena che ha dimostrato interesse
    alla proposta. Vi terremo informati!

    ———————————————————————

    La proposta nasce dalle seguenti considerazioni:

    Come Charitas S. Pietro di Modena distribuiamo annualmente quanto segue:
    n° 45.000 panini imbottiti (di quelli dei distributori automatici) con
    scadenza dopo 48 ore
    Kg. 25.000 di prodotti freschi prossimi alla scadenza o malandati da
    Leclerc/Conad
    Kg. 10.000 di pane (che risulta invenduto alle 14,00 ) da due forni di Modena
    kg. 8.000 di derrate alimentari varie, prossime alla scadenza (con
    punte di 70.000 kg. in un caso, per etichetta errata)
    kg. 50.000 di prodotti dal Banco Alimentare di cui il 40% prodotti
    AGEA (fabbricati dalle aziende come aiuti della CEE e non
    commerciabili; si tratta di: pasta, riso, latte e formaggi, zucchero,
    burro, marmellata) e il resto da ditte per prodotti prossimi alla
    scadenza.

    A causa della crisi, assistiamo ad una riduzione delle risorse che ci
    pervengono, stimabile in un 30% circa e al contemporaneo aumento di
    richieste di assistenza, stimabile in un 40% di famiglie, cui
    effettuiamo una distribuzione settimanale di derrate.
    Inoltre è in aumento del 180% il numero degli assistiti giornalmente
    da lunedì a sabato (a ottobre erano 40 al giorno, oggi sono 105/116 al
    giorno).

    E’ stata formulata una proposta al Sindaco di Modena, e ufficializzata
    in presenza dell’Arcivescovo in un convegno svoltosi sabato scorso, di
    scrivere congiuntamente un appello alla grande e alla piccola
    distribuzione e alle ditte produttrici di beni per sensibilizzarli.

    In questa occasione ho detto che non sarebbe male se l’amministrazione
    comunale proponesse uno sconto o un bonus a fine anno sulla tassa
    smaltimento rifiuti per quelle ditte che contribuiscono donando. Il
    tutto è facilmente documentabile attraverso le bolle di
    accompagnamento merci.

    Di fatto, in un anno noi abbiamo “tolto dai cassonetti dei rifiuti”
    almeno 73.000 chilogrammi di prodotti deperibili e almeno 45.000
    panini che prima venivano gettati.

    C’è da precisare che ciò che viene recuperato da noi e da altri è la
    piccolissima punta (forse meno del 3%) di un iceberg che finisce nelle
    discariche.

    nicola prochilo

  3. emilio scrive:

    Auguri di Buone Feste a tutti gli amici dei Popolari Liberali.
    Che il nuovo anno porti gioie e soddisfazioni (anche politiche !) a tutti noi.

  4. Il 16 novembre 2008, a Verona, e´nata la “Tribuna per l´azione nel sociale dei Popolari Liberali nel PDL”, su auspicio del Premio Nobel per la pace del 2006, Muhammad Yunus.
    La Tribuna italiana per l´azione nel sociale dei Popolari Liberali nel PDL si propone di perseguire i seguenti obiettivi:

    1) Completare l´attuale sistema capitalista, dando la possibilita´agli imprenditori di perseguire non soltanto il massimo profitto personale, ma, alternativamente, anche il benessere sociale. Infatti, ogni anno, miliardi e miliardi di eurodollari vengono fatti uscire dal sistema capitalista per essere destinati ad attivita´filantropiche .Tali risorse vengono disperse in beni di consumo. Noi crediamo, invece, che tali risorse debbanno essere utilizzate per produrre ricchezza, beni e servizi, a vantaggio della collettivita´. Noi desidereremmo rendere la filantropia un´impresa concorrente dell´impresa tradizionale, ovvero un´impresa con finalita´sociali, per consentire agli imprenditori di perseguire, normativamente, il benessere collettivo. Creare, in definitiva, un´impresa senza dividendi, dove gli azionisti potranno recuperare soltanto il capitale investito al saggio dell´interesse semplice;
    2) liberalizzare definitivamente il mercato mediante l´abrogazione dell´impresa pubblica, obsoleto retaggio dell´ideologia comunista, inefficiente e corrotta, per sotituirla con l´impresa privata con finalita´sociali;
    3) destinare le risorse derivanti dall´abrogazione dell ´impresa pubblica al taglio delle tasse ed al finanziamento del lavoro autonomo;
    4) promuovere la costituzione della prima grande impresa privata italiana multinazionale con finalita´sociali per la gestione del patrimonio idrico.

    Iscriviti: http://www.facebook.com/group.php?gid=35349867502&ref=ts

  5. michele scrive:

    Abrogare l’esame di Stato per accedere alle professioni.
    La scuola non può essere fine a se stessa.
    Dunque se l’iter formativo è completo al liceo all’università e durante il tirocinio perchè poi l’ultimo esame per accedere al mercato del lavoro è di stampo coprpoativo, mafioso, camorristico e preclusivo…è un controsenso.
    L’italia deve decidere o liberismo vero o puttanate vere…

  6. admin scrive:

    Nicola segnala dal Sito dell’On. Antonio Palmieri:

    Classi separate per i bimbi stranieri? No davvero…

    Ieri abbiamo votato in aula la mozione relativa all’accesso degli
    studenti stranieri alla scuola dell’obbligo. E’ stato un dibattito
    convulso, teso, impegnativo.
    Purtroppo negli interventi della sinistra si è scelta la strada
    più facile: accusarci di essere razzisti, di voler segregare i bambini
    immigrati, di non volere l’integrazione degli stranieri in Italia.
    E oggi molti giornali accreditano questa tesi, con titoli tipo
    quello del Corriere della sera: “Sì alle classi separate per
    stranieri”.

    Partiamo dalla realtà. La situazione nelle scuole italiane è
    questa. Nel corso di tutto l’anno scolastico vengono inseriti nelle
    classi bambini stranieri che non sanno una parola di italiano. Poichè
    essi provengono da Paesi molto diversi tra loro, ciò crea una vera
    babele di linguaggi. La classe si blocca perchè è evidente che non
    solo l’insegnamento ma anche l’ordine in classe e la condivisione dei
    basilari principi di educazione sono resi impossibili dal fatto che
    buona parte della classe non è in grado di capire la lingua.
    Il risultato è che nè i bambini stranieri, nè quelli italiani nè i
    bimbi stranieri che già conoscono la lingua imparano qualcosa.

    Poichè non è pensabile avere per ogni singola classe insegnanti
    capaci di fare mediazione culturale parlando anche le lingue madri dei
    bimbi stranieri (per ogni classe dovremmo avere un insegnante che sa
    il cinese, uno che sa l’arabo, uno l’indiano, uno il pakistano, ecc.)
    la nostra mozione – che è dell’intera maggioranza, non solo della Lega
    – propone di cambiare rotta, in questo modo:
    a) allestendo classi di inserimento, dove insegnare l’italiano ai
    bimbi stranieri che non lo sanno ancora assieme agli insegnamenti
    utili all’educazione alla legalità e alla cittadinanza.
    b) non consentendo ingressi nelle classi ordinarie oltre il 31
    dicembre di ciascun anno, per un razionale ed agevole inserimento
    degli studenti stranieri nelle nostre scuole
    c) prevedendo una distribuzione degli studenti stranieri
    proporzionata al numero complessivo degli alunni per classe, per
    favorirne la piena integrazione e scongiurare il rischio della
    formazione di classi di soli alunni stranieri.

    SI tratta di misure di buon senso. E’ lasciare le cose come stanno
    che produce ignoranza, separatezza e “disintegrazione” invece di
    integrazione vera.

  7. Alberto da Chiavari scrive:

    Un saluto tutti gli amici Popolari Liberali di Piacenza.
    Rivisitanto il Vs. sito ho letto il nuovo Organigramma del Coordinamento Provinciale di Piacenza per il rinnovo dei Consigli nel 2009 e voglio, pertanto, congratularmi con tutti Loro ma desidero plaudire, in particolare, alla nomina dei Sigg. Tribi Romano ed a Italia Silvano rispettivamente Coordinatore Provinciale e Referente Ambiente e Territorio.
    Auguro buon lavoro a tutti e, come dicono i Marinai buon vento a tutti e “in culo alla balena”. Avanti tutta con la campagna elettorale!

    Un caro saluto a tutti.

    Alberto

  8. Paolo scrive:

    ATTENZIONE alle cooperative edificatrici (specialmente quelle “rosse”), noi siamo rimasti scottati, c’è un forte rischio di rimanere con un pugno di mosche.
    http://www.vittimegaribaldina.org

  9. DE MATTEIS scrive:

    gentilmente:
    qualcuno
    -magari qualche “dirigente”-
    mi spiega se i Popolari Liberali
    sono un partito
    o
    COME DISSE ESPLICITAMENTE CARLO GIOVANARDI A MODENA(ed in altre mille circostanze)
    un movimento politico
    che vuol contribuire
    a costruire
    -da protagonista-
    il POPOLO della libertà?

    La domanda non è oziosa,
    poichè
    su e giù per lo Stivale
    noto sedi “di partito”
    con gigantesche bandiere
    dei popolari liberali
    e
    neppure un riferimento
    (UNO, DICO: UNO SOLO ALMENO!)
    al pdl?

    Come?
    Ah, in quei paesi si vota?
    Come?
    Ci son le provinciali e pure le comunali?
    ah, bene.
    ora capisco…..

    Forza Carlo!

    Non permettere che i tuoi collaboratori
    impediscano
    la PUBBLICAZIONE
    di interventi come questo!

    (SENNò STIAM PEGGIO DELL’UDC E DELLA DITTATURA INTERNA A QUEL PARTITO, DAL QUALE CORAGGIOSAMENTE
    -GRAZIE A TE!!!!-
    SIAMO USCITI!.

  10. Leggete un pò:
    “”Un cuore azzurro con stelle gialle Pronto il simbolo europeo di Fi e An
    ROMA. Il futuro del Pdl passa per il Parlamento europeo. Non solo giustizia e intercettazioni, ma anche fusione di An e Fi e nuovo simbolo. Il nuovo logo infatti è allo studio: un cuore azzurro con le stelle gialle dell’Unione, probabilmente, ma nulla è stato ancora deciso. In questi giorni nel centrodestra, intanto, si discute anche del processo di fusione tra An e Fi con approdo nel Ppe. La road map con tempi ed equilibri non è stata ancora definita. Tre i passaggi obbligati. Innanzitutto, lo scioglimento di An e Fi con la convocazione dei rispettivi congressi. Poi l’avvio della fase costituente che segnerebbe la nascita ufficiale del Pdl.
    Infine, l’ingresso nel Ppe con un nuovo statuto. In ogni caso, passerebbe per Strasburgo il traghettamento del partito di via della Scrofa nel Ppe. Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini avrebbero parlato di queste prospettive in una cena con il presidente del gruppo parlamentare del Ppe, Joseph Daul, il 24 giugno scorso a Roma e poi nell’ultimo faccia a faccia a Montecitorio del 2 luglio.
    Nella maggioranza ci sono due scuole di pensiero. E lo spartiaque è rappresentato dalle europee. C’è chi preme per accelerare i tempi. Tra questi, Maurizio Gasparri, capogruppo al Senato del Pdl: «Il processo va completato tutto entro gennaio 2009. I tempi vanno calcolati a ritroso. A giugno ci sono le europee mentre il 29 e 30 aprile si tiene in Polonia il Congresso del Ppe per lanciare il programma elettorale». In ogni caso, l’approdo di An nel Ppe dovrà passare per Strasburgo. Dello stesso avviso è Gaetano Quagliariello, senatore di Fi e vicepresidente del Pdl a palazzo Madama: «Il senso dell’operazione che si sta compiendo è portare in Italia una grande forza a vocazione maggioritaria». L’altra corrente di pensiero, invece, ritiene che si debbano attendere le europee nel 2009, in cui si voterà con il sistema proporzionale, e cavalcare un eventuale successo elettorale per poi accelerare sulla nascita del Pdl.””
    Si, avete letto bene. E cmq è sul numero odierno di “avvenire”,pagina 9). Davvero a sentir certe cose uno dice: ma davvero nella mente di costoro (e del giornalista???) il PDL è semplicemente FI+AN !!! Sia chiaro(e con la consapevolezza di quanto poco possa contare il mio parere, quello di un SEMPLICE SIMPATIZZANTE ): continuo a ritenere comunque inutile e dannosa LA CREAZIONE DI UN NUOVO PARTITO (come pure a modena alcuni si sgolavano di volere, contro ogni buon senso e contro il parere -credo importante!- di CARLO GIOVANARDI). Va benissimo cosi, siamo e restiamo “movimento” o come dice Giovanardi stesso “corrente”(il problema, semmai, è l’autoproclamazione di vari segretari qua e là per lo Stivale, ma questo,PER ORA, facciam finta di chiudere un occhio): e COME MOVIMENTO “spingiamo” nella direzione di una vera creazione del Popolo della Libertà. Vera, ho detto. E quindi, appunto, non la sommatoria di AN+FI. Ultimo pensierino per tutti ma sopratutto a chi guarda con “invidia” la dc di rotondi, il Mpa di Lombardo: avete visto? Son PARTITI (con tanto di tessere, segretari e sedi, proprio ciò cui ambiscono certi poplib un pò troppo “agitprop”!!!)eppure ugualmente FI e AN li ignorano ugualmente.

  11. fausto scrive:

    visita sottos.
    V I S I T A SOTTOSEGRETARIO

    Sen. C. Giovanardi
    a PC 23-06-08

    Ore 16,30 – inaugurazione nuova sede A P I – via del Commercio, 65 a. Ore 17,30 – incontro con Presidenti e Dirigenti Associazioni

    Industr., Unione commercianti e artigiani
    Ore 18.00 partecipazione assemblea aperta promossa dal Forum delle Famiglie
    di Piacenza con operatori associazioni lotta alla tossic. e ass. servizio
    civile
    ore 19.30 visita di cortesia al Sindaco di Pc Roberto Reggi
    ore 20.00 break.
    Ore 21.00 incontro Popolari Liberali presso Park Hotel

    Ore 23.00 Finalmente buonanotte e grazie.
    Il Coordinamento provinciale di Piacenza.

  12. Altro argomento di riflessione.
    Da qualche mese è attivo in Bologna il Circolo Alleanza Femminile, animato da un gruppo iscritto in Alleanza Nazionale, che prevede la partecipazione di persone provenienti ad altre formazioni come “pentite-preganti-paganti”.
    In attesa del costituendo PDL come possiamo organizzare eventi culturali con partecipazione aperta e trasversale, secondo il nostro stile?
    Rammento inoltre al lettore che il voto è nero su bianco, senza colorazioni azzurre o rosa: così dovrebbe essere la partecipazione!
    Cordialmente
    Maria Vittoria

  13. Ieri sera ho partecipato a una Vostra riunione in via Collegio di Spagna.
    Giuliano Latuga ha provocato i presenti distribuendo una fotocopia che recita:
    Io tifo per Bologna
    Ricominciamo dalla nostra casa: “creiamo le nostre Parrocchie”

    segue l’etimologia e altre considerazioni.

    Chiedo in quanto frequentano l’Istituto Veritatis Splendor.
    Nessuno, a parte la sottoscritta che ne ha frequentato i corsi per un biennio.
    Spiego che la Diocesi di Bologna ha vietato ai laici l’uso di termini o funzioni religiose, imponendo ai cattolici impegnati in politica di partecipare testimoniando i valori di riferimento con azioni, parole, opere ed omissioni – in modo da essere presenti in entrambi i poli -.
    Propongo pertanto di chiamarci “squadra”.
    Sospendo l’iscrizione fino a quando sarà decisa l’identità (siamo una parrocchia o una squadra?).
    Cordialmente
    Maria Vittoria Cavina
    http://www.mariavittoriacavina.it

  14. Silvano scrive:

    Conoscendoti come persona intransigente e coerente con le proprie azioni, maggiormente apprezzo la tua scelta. Inoltre, proprio per queste qualità, rafforzo la mia presa di posizione nel recente passato. Caro Michele sono con te; non dico ti aspettiamo…………………..

  15. Silvano scrive:

    L’incontro avvenuto a Castelvetro piacentino con l’Onorevole Emerenzio Barbieri, è stato all’insegna della cordialità e della chiarezza politica. L’incontro non è stato a senso unico, l’Onorevole che parla e gli altri che ascoltano, ma partecipativo da parte di tutti. Ho avuto la piacevole realtà di sentire gli amici partecipi, propositivi con affermazioni e richieste e non più “distanti dal politico”. Tutto questo merito dell’Onorevole Emerenzio Barbieri, capace di portare la politica con una nuova immagine, con una dialettica chiara, che ha portato i presenti alla comprensione e alla partecipazione diretta . Questo atteggiamento porterà sicuramente ottimi risultati sul nuovo cammino intrapreso dai Popolari Liberali .

  16. Nel salutare tutti gli amici Popolari Liberali di Piacenza
    (e,cmq, chi legge questo sito)
    voglio ringraziare Alessandro Biondi che da una interessante notizia riguardo l’attività parlamentare di Emerenzio Barbieri.

    Bello e centrato anche il suo riferimento fra la sintonia che vi era fra Einaudi ed il grande Luigi Sturzo.

  17. Sono molto contento per l’elezione in Emilia Romagna dell’On. Emerenzio Barbieri già Senatore UDC e già deputato che nella XIV legislatura aveva presentato un progetto di legge per semplificare e rendere giustizia agli insegnanti di Religioni rimasti esclusi dai Ruoli, mediante l’istituzione di Corsi Abilitanti. Io non sono direttamente interessato perchè sono andato da poco in pensione, ma confido nell’On. Emerenzio che così possa sanare una vera ingiustizia a me, Docente anche di Teologia in Atenei pontifici, denunciata da tutta una cordata di IRC veramente preparati che per commissioni assurde da cui sono stati colpiti ora sono in varie difficoltà giuridiche. Sono lieto che col nome di Liberali Popolari il vostro ruolo in PDL prosegua quella grande consonanza spirituale che ci fu tra Einaudi e Sturzo| Congratulazioni ed auguri!

  18. silvano scrive:

    Oltre ad unirmi al plauso dei nostri amici riguardo lo straordinario risultato delle elezioni, tengo ad evidenziare il notevole risultato ottenuto nel Comune di Castelvetro, e nel contempo, augurando un buon lavoro al nostro rappresentante Dott. Campelli. Al Dott. Francesco Marcotti mando i miei più vivi complimenti per il meritatissimo reincarico a Sindaco.

  19. emilio scrive:

    Alla fine gli italiani sono rinsaviti ed hanno fatto l’unica scelta possibile per il rinnovo ed il rilancio del nostro amato paese.
    Il risultato ci porta finalmente fuori dal tunnel in cui Prodi e la sinistra ci avevano sprofondato e, con una solida maggioranza parlamentare, sono finalmente possibili tutte quelle riforme che necessitano per protare finalmente l’Italia nel terzo millennio e nel novero dei paesi europei più sviluppati.
    Tengo solo a rimarcare le dichiarazioni tra il comico ed il patetico di Gallini alla “Cronaca” di oggi, in cui dice che Giovanardi ed i Tranfughi hanno tentato in tutti i modi di danneggiare l’UDC.
    Visti i risultati del mio ex partito, ritengo che si sia danneggiato da solo con una scelta autolesionista ed incomprensibile di corsa in solitaria.
    Dovrebbe poi spiegarmi, il Gallini, come mai un suo “uomo” corre per il centrodestra tutto unito a Castelvetro; coerenza dovrebbe far sì che l’UDC si fosse presentata da sola.
    Ma la coerenza è virtù assai rara dalle parti di Via Garibaldi n. 5 …….
    Un caro saluto a tutti.

  20. Elena Carini scrive:

    🙂 🙂 🙂 🙂 🙂
    Complimenti cari amici per il bel lavoro svolto !
    Vittoria meritatissima da tutti noi.
    Un grazie in particolare a Carlo Giovanardi e ad Emerenzio Barbieri.

  21. ho appena letto sul vostro bel sito che il Prov.le della DCA è passato con “noi”, perchè deluso dalla poca coerenza ai valori cristiani riscontrata nei rotondini. Speriamo di non deluderlo noi.
    Vi mando un caro saluto mentre riscontro con gioia
    la piccola lente crescita dei POPLIB in varie parti d’italia.
    Spero che ciò possa accadere pure qui a Brindisi.
    Ancora complimenti per tutto!!!
    Saluti cari.
    cosimo

    (se quell’intervento è realmente di tabacci
    non fa che confermare la brutta aria che tira li dentro:
    noi non godiamo dei problemi degli altri
    ma siam felici semplicemente di costare che
    la coerenza e l’onesta pagano sempre,
    l’opportunismo no.)

  22. admin scrive:

    Bruno Tabacci scrive sul blog di Giovanardi, e non solo, specificando: 09 Aprile 2008 Casini sbaglia se pensa che sono rientrato nell’Udc. O l’Unione di Centro è l’inizio di una cosa nuova e molto diversa o si troverà presto davanti una Rosa Bianca Spiace dover constatare che l’on. Pierferdinando Casini ha fatto una ricostruzione strumentale a Porta a Porta del processo che ha portato alla formazione dell’Unione di Centro, nata dalla convergenza tra Udc, Rosa Bianca, ex Popolari e circoli Liberal della cultura laica. Non si può affermare che Tabacci e Baccini sono rientrati nell’Udc. La Rosa Bianca di Tabacci, Baccini e Pezzotta nasce per affermare le ragioni del centro proprio mentre l’Udc intendeva ricostruire il centro-destra con Berlusconi. Solo la chiusura di Berlusconi a Casini ha obbligato il riposizionamento dell’Udc. Ciò nonostante, e per favorire il centro, ho fatto un passo indietro nella candidatura alla Presidenza a favore di Casini. Gli elettori sono attratti dall’Unione di Centro proprio perché si tratta di una cosa diversa dall’Udc. Non vorrei che Casini invece, con furbizia, intendesse con la sua interpretazione offerta a Porta a Porta, intestarsi da solo il buon risultato elettorale atteso, perché così facendo vedrà rifiorire subito la Rosa Bianca.

    anche se non condivido la linea politica riconosco a Tabacci la chiarezza e linearità del pensiero

  23. admin scrive:

    Ringrazio di cuore l’On. Emerenzio Barbieri per il passaggio a Fiorenzuola!
    Sono certo che terminato il momento elettorale avremo occasione di riprendere l’incontro su un tema specifico.

    ed un grazie anche a Sergio per le foto.

  24. Mentre scrivo ho sotto gli occhi il programma della massacrante campagna elettorale che Carlo Giovanardi sta conducendo(in questo momento, ore 20 di martedì 1 aprile 08, è a Fidenza, alle 21 sarà a ponte taro. Stamane due tappe. Domani due importanti convegni e nel pomeriggio tre tappe in Piemonte!!!!). Lo confesso: mi sento come uno scrupolo, perché io son a casa tranquillo, e non sto facendo abbastanza per i Popolari Liberali. Quando poi vedo il gia menzionato programma della campagna elettorale e leggo i resoconti dei giornali mi dico: ma come sta facendo giovanardi? Calabria, toscana, Lombardia….ovunque la gente lo applaude, lo stima , lo apprezza. Davvero mi auguro che riesca a portare fino in fondo questa campagna elettorale: non so quanti dei candidati “certi” (di tutti gli schieramenti, sia chiaro) stiano facendo un analogo tour de force. Ed allora ribadisco la fierezza dell’appartenenza ai Popolari liberali, la fierezza di “seguire” Carlo giovanardi. Non ha abbandonato le “questioni” (vere, presunte, ingigantite,ridimensionate), semplicemente si è messo al lavoro, perché al momento ha sentito che era quella la cosa più utile ed importante da fare. Ma, ne son certo, conosce bene -perchè è un uomo che ascolta,grande virtù- le delusioni, le rivendicazioni, le esigenze che emergono dall’interno del partito. Ma ora è tempo di campagna elettorale. Sono certo che a suo tempo Giovanardi affronterà NEL MIGLIORE DEI MODI le questioni sul tappeto: “intra ed extra”. Io vorrei, anche in questa sede ringraziare tutti coloro che stanno lavorando al fianco di Carlo Giovanardi in giro per l’italia. Un grazie sincero e sentito. Infine un messaggio a tutti: manteniamo lo spirito di Roma, del Capranica(per chi c’era.per chi non c’era ricordo che è possibile visionare il filmato). Se manteniamo quello spirito, quell’afflato, quell’entusiasmo, quella UNIONE, io credo che i Popolari Liberali sapranno farsi valere nella costruzione del pdl. Io ci credo. Principalmente per un motivo: ho fiducia totale in Carlo

  25. Paolo Raggi scrive:

    Care Amiche, Amici e conoscenti,
    come si dice, il primo amore non si scorda mai….(CCD) in quel Partito oramai lontano e dimenticato dai più, che vide tra i suoi fonadatori Casini e Giovanardi. Oggi dopo averli riascoltati entrambi a distanza di pochi giorni qui a Piacenza e, dopo che le loro strade si sono divise, come le nostre anni fà, sono fermamente convinto che la politica intrapresa alcuni anni fà dall’UDC ora rappresenti Compiutamente tutta la Sua Deriva. Questa convinzione, se mi è permesso, mi viene trasmessa dalle sensazioni che ho provato nell’ascoltare CARLO GIOVANARDI.
    Il Popolo delle Libertà è un soggetto politico nuovo, che forse a non tutti piace, ma è quello di cui un elettore del CENTRO-DESTRA ITALIANO oggi ha bisogno. I POPOLARI LIBERALI hanno, senza dubbio, Valori, Storia e Tradizioni da conservare e portare avanti, come ALLEANZA NAZIONALE. Insieme si è solo COMPLEMENTARI.
    Un Saluto a Tutti e …. BOIA CHI MOLLA!!!

  26. Elena scrive:

    Dimenticavo… non si può far arrivare un appello ai nostri amici dell’UdC? Mi piange il cuore vedere sui loro banchetti ragazze con la sigaretta in bocca che distribiscono volantini senza neppure sorridere o parlare con gli elettori… anzi appaiono scocciate (malpagate??) Noi ci mettevamo l’anima e loro comunque rovinano anche il ns lavoro di anni per costruire un’immagine seria e dignitosa del partito. Tutto sommato mi spiace molto di queste cadute di stile…

  27. Elena scrive:

    Venerdì scorso da noi, all’incontro con l’on. Giovanardi presenti almeno 150 persone. Stessa data, stassa ora, stessa città all’incontro con Ubaldi dell’UdC le presenze non superavano le 15 teste …
    Oggi con Casini (nb pure candidato premier) non c’era il pienone di una volta …la stampa stima 130 anime….
    Non servono commenti …. Buona campagna elettorale !!!

  28. admin scrive:

    Voglio quì ringraziare quanti hanno collaborato e contribuito alla riuscita della bella serata di venerdì con l’on. Giovanardi. Grazie di cuore e avanti con la campagna elettorale!

  29. admin scrive:

    Grazie Cosimo,
    l’Augurio anche a te di una settimana Santa e di una Pasqua che porti tanta serenità.

  30. Solo un saluto,
    tanti complimenti per il lavoro che state svolgendo,
    l’auspicio di sempre maggiore unità di intenti,
    la speranza di crescere sempre piu e meglio,
    e l’augurio di una Settimana
    che sia davvero Santa.
    Verso la Pasqua:
    CRISTO VINCE LA MORTE,
    centro della nostra Fede.

  31. michele scrive:

    si narra che il corso di cultura politica dell’ex rappresentante di viagra sia riuscito a tirar su molti giovani. le poche ragazze presenti pare siano scappate!

  32. silvano scrive:

    Se solo ci si avvicinasse a tale livello, sarebbe notevole. Io partecipo!

  33. admin scrive:

    Sto raccogliendo le adesioni per un corso analogo, non ti garantisco la stessa qualità del servizio.

  34. Emilio scrive:

    Ho un solo rimpianto in merito alla mia fuoriuscita dall’UDC: non poter partecipare al corso di cultura politica che terrà il dott. Cordani nei prossimi giorni. Momenti indimenticabili ! ! !

  35. admin scrive:

    … notizia di oggi
    su libero: Veltroni mette in lista tanti segretari, portaborse, ecc.

    …… l’UDC lo fa da tempo! in questo il walter ha copiato dal Pier!

    approposito di portaborse e paltò – il nostro ex segretaio regionale nonchè senatore Libè sarà candidato alla Camera, in Emilia in seconda posizione dietro il Pier (che poi sceglierà un’altra regione lasciandogli il posto).
    A mio avviso è un segnale di debolezza, vuol dire che in Emilia ritiene di non superare il quorum per il Senato!

  36. Silvano scrive:

    In questa immagine di “Votantonio” le persone non devono più vedere questa enorme e stridente distanza, tra una “certa politica” delle promesse elettorali e la realtà !

  37. Emilio scrive:

    La foto della “monnezza” davanti al cartellone dell’UDC non è solo esilarante: è un messaggio che deve far riflettere sulla necessità dei partiti di fare pulizia al proprio interno per recuperare la fiducia dei cittadini nella politica (ormai ai minimi storici).
    Spero vivamente che il PDL cominci questo percorso di rinascita della politica italiana, dando un segnale con la formazione delle liste.
    Un caro saluto a tutti.

  38. admin scrive:

    In contemporanea alle elezioni politiche, si va al voto amministrativo anche per il Comune di Castelvetro P.no.
    I Popolari Liberali sostengono la riconferma a Sindaco del dott. Francesco Marcotti.
    In lista come candidato Consigliere a rappresentare i Popolari Liberali troviamo il dott. Andrea Campelli!
    e nel Comitato promotore ci rappresenta l’amico Silvano!
    Forza Ragazzi GRANDE ENTUSIASMO e ricordiamoci che Castelvetro P.no fin quì è stato BEN AMMINISTRATO! BISOGNA CONTINUARE L’OPERA!!!!!!

    Un grazie agli amici che si stanno impegnando nella contesa e SOSTENIAMOLI IN MASSA!!!!!!!

  39. Silvano scrive:

    Intendo porre questo scritto all’attenzione di tutte quelle persone che con mio grande piacere hanno visitato il nuovo sito dei popolari liberali di Piacenza. In particolare degli amici e anche di persone a me care che dopo aver posto la loro attenzione a questa novità politica di Piacenza, mi hanno scritto ponendomi domande , critiche (molte), e propri punti di vista , utlizzando l’indirizzo della mia posta elettronica. Proprio in base a quest’ultima desidererei che le vostre perplessità i vostri consigli e le vostre domande, le poneste utilizzando l’apposito sito dei popolari liberali di Piacenza, in modo da rendere partecipi tutti e intensificare in tal modo i rapporti comunicativi inerenti a questa nuova formazione politica.

    Grazie a tutti, un saluto.

  40. admin scrive:

    caro Michele,
    l’amicizia che ci lega non si vanifica scegliendo strade diverse.
    Sarà mia cura avvisarti comunque ogni qualvolta ci sono appuntamenti significativi per continuare la riflessione ed il dibattito, sempre utile per costruire qualcosa di importante.

  41. Elena scrive:

    Ben fatto! Bel sito ora riempiamolo di contenuti!!!

  42. Michele Giardino scrive:

    Cari Emilio, Stefano B, Fausto, Elena, Romano, Stefano F, Maura,
    abbiamo percorso insieme un periodo di tempo sufficientemente lungo per dire che a legarci non è solo un laccio politico, ma un vincolo umano. Credo di non essere retorico se parlo di amicizia. E non vi nascondo il sentimento di malinconia che in questi giorni mi visita quando penso che non stiamo più sulla stessa barca. Io mi sento su una scialuppa, voi avete preso un motoscafo. Ho l’intima convinzione che la mia scialuppa mi porterà a riva, ovvero porterà a riva l’Italia. Ovviamente non riesco ad augurarmi che il vostro motoscafo resti senza benzina, dal momento che sopra ci siete voi. Mi mancheranno gli incontri, le telefonate, le discussioni, le iniziative che abbiamo condiviso. Si apre un nuovo ciclo per tutti. Ma voi mi mancherete. E non posso non pensare che un giorno le dinamiche politiche ci riporteranno a stare insieme. In bocca al lupo. Affettuosamente vostro, Michele Giardino

  43. Filippo Rossi scrive:

    Auguri sinceri perché il vostro sito divenga un importante punto di riferimento per i cristiani liberali e democratici della realtà piacentina. Come “conterraneo” partecipe alla costruzione della Casa comune dei Moderati italiani, spero di avere occasione per collaborare con voi nell’interesse della città e per la promozione di una dimensione umana della società e della politica.

  44. nicola scrive:

    Carissimi vi introduco un po’ al web di centro dx (ci siamo caro silvano, ci siamo… 🙂 )

    http://www.tocqueville.it/ (più di 1500 blogger contribusicono)

    http://www.perilpartitodellaliberta.com/ (anche qui i blogger che scrivono per il partito unitario)

    A proposito delle ultime sparate della nostra assenza dalla rete vi segnalo:

    http://ideazione.blogspot.com/2008/02/dentro-la-rete.html

  45. Auguri sinceri!!!

    E naturalmente buon lavoro.

    (di mio aggiungo solo che se manca un forte afflato morale un progetto politico fa poca strada: a noi tale compito. E anche -PERCHE’ NO- quello di ri-portare il Vangelo nella politica. Sempre memori che don Luigi Sturzo NON fece un partito confessionale e fece bene e vide giusto. I guasti li han fatti altri, non il glorioso partito POPOLARE di don sturzo)

    Ogni Bene, cari amici.

    cosimo.brindisi

  46. silvano scrive:

    Il centro destra è assente da Internet. Una frase che indica una lacuna nella cominicazione politica con le persone. Ora, da parte nostra, questa lacuna non c’è più!

  47. nicola scrive:

    Benvenuti nel WEB 2.0 🙂

  48. Emilio scrive:

    Ottimo lavoro. Possiamo solo crescere.
    Emilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *